L

 

Dirigente: Ing. Vincenzo ZEZZA


Indirizzo: Via Alfieri, 10 - 10121 Torino (altro ingresso - Via Arsenale, 13)
Telefono: (+39) 011 576 3447
Fax: (+39) 011 5763436
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Indirizzo PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

L’utenza potrà essere ricevuta solo previo appuntamento telefonico, contattando i numeri presenti nella sezione “Contatti” (box a destra).

 

Sportello MISE
Informazioni e prima assistenza sulle materie e le attività di competenza del Ministero delle Imprese e del Made in Italy.
Telefono 011 5763420 dal lunedì al venerdì dalle 9,30 alle 12,30.
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 


Si comunica all'utenza che le attività dell’Ispettorato vengono parzialmente svolte da remoto.

Al fine di evitare inutili accessi alle sedi degli uffici, si raccomanda di prendere preventivamente contatto telefonico (cfr. sezione “Contatti”), sia per ricevere il servizio direttamente da remoto che per l’eventualità di un appuntamento in sede, che deve essere preventivamente fissato con il funzionario addetto.

Oltre ai contatti riportati nella sezione dedicata alle diverse attività, l'Ispettorato è contattabile anche tramite i seguenti indirizzi di posta elettronica:

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 


    IN EVIDENZA


02/05/2024

Si comunica che a far data dal 28/04/2024 è entrato in vigore il Decreto Legislativo 24 marzo 2024, n. 48 “Disposizioni correttive al decreto legislativo 8 novembre 2021, n.207, di attuazione della direttiva (UE) 2018/1972 del Parlamento europeo e del Consiglio dell'11 dicembre 2018, che modifica il decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259, recante il codice delle comunicazioni elettroniche”.

Ai sensi delle nuove disposizioni dell’art. 56, commi 1 e 2, per la costruzione, la modifica o lo spostamento di condutture di energia elettrica, aeree ed interrate di qualsiasi classe, e tubazioni metalliche sotterrate, a qualunque uso destinate, i soggetti interessati sottoscrivono una dichiarazione asseverata da un professionista abilitato da cui risulti l'assenza o la presenza di interferenze con le reti di comunicazione elettronica.

Ai sensi delle nuove disposizioni dell’art. 56, comma 3, la citata dichiarazione deve essere presentata, prima dell’avvio dei lavori, all’ispettorato territoriale competente, corredata da una dettagliata relazione a firma del professionista abilitato e dagli elaborati progettuali che attestino la conformità degli impianti, unitamente all’atto di sottomissione ove previsto. La dichiarazione sostituisce qualsiasi atto di assenso del Ministero sui relativi progetti ai sensi delle norme che regolano la materia, anche nell’ambito delle Conferenze di servizi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 241.

Ai sensi delle nuove disposizioni dell’art. 56, comma 4, il Ministero vigila ed esercita controlli a campione, sulla realizzazione dei progetti. A tal fine i soggetti interessati sono tenuti a segnalare al Ministero l’inizio e la fine dei lavori inerenti al progetto, al fine di consentire l’accesso ai fini ispettivi del personale incaricato, nonché comunicare, nei termini e con le modalità prescritti, documenti, dati e notizie richiesti. Infine, il comma 7 precisa che per le attività di vigilanza e controllo previste dall’art. 56 sono dovuti al Ministero i compensi per le prestazioni conto terzi. 

 

 


 

22/04/2024

ESAMI PER IL CONSEGUIMENTO DELLA PATENTE DI RADIOAMATORE - Sessioni 2024

AVVISO

Si informa l’utenza che per l’anno 2024 gli esami per il conseguimento della patente di operatore di stazione di radioamatore si svolgeranno con le seguenti modalità.

Per l’anno 2024 gli esami si terranno in presenza presso l’Ispettorato Territoriale Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, nella sede di Torino dal 17 al 21 giugno 2024 e nella sede di Genova dal 11 al 15 novembre 2024.

Le domande di ammissione dovranno pervenire tramite l’applicativo https://appradioamatori.invitalia.it entro il 10 maggio 2024 per coloro che risiedono in Piemonte Liguria o Valle D’Aosta e desiderano sostenere l’esame presso la Sede di Torino ed entro il 10 ottobre 2024 per coloro che desiderano sostenere l’esame presso la sede di Genova.

Ciascun candidato riceverà, entro 10 giorni dall’inizio dell’esame, la comunicazione tramite pec/e-mail di convocazione con l'indicazione della data e dell'orario dell’esame che non saranno modificabili.

Per ulteriori approfondimenti si rimanda ai seguenti link:

Per eventuali ulteriori chiarimenti è possibile contattare il seguente numero 011/5763452

 


AVVISO

E’ stato pubblicato sul portale inPA il bando di selezione pubblica per l’assunzione a tempo indeterminato di 338 unità di personale AREA II profili vari così articolati:

  • n. 90 assistenti amministrativi (Codice 01);
  • n. 90 assistenti amministrativi contabili (Codice 02);
  • n. 60 assistente tecnico delle telecomunicazioni (Codice 03);
  • n. 40 assistente informatico (Codice 04);
  • n. 38 assistente tecnico (Codice 05);
  • n. 10 assistente specializzato delle telecomunicazioni (Codice 06);
  • n. 10 assistente tecnico specializzato (Codice 07).

 
L’invio della domanda di partecipazione dovrà avvenire esclusivamente per via telematica, autenticandosi con SPID/CIE/CNS/eIDAS, compilando il format di candidatura sul Portale “inPA”, disponibile all’indirizzo https://www.inpa.gov.it, previa registrazione del candidato sullo stesso Portale.

Le posizioni disponibili con sede presso questo Ispettorato Territoriali in totale sono pari a 7.
Le candidature devono essere presentate entro il termine perentorio del giorno 29 settembre 2023.

 

 

Risultati esami radioamatori - Sessione 2023

AVVISO

Con riferimento agli esiti degli esami radioamatori si comunica che i risultati sono in fase di comunicazione ai singoli candidati.

Si invita l'utenza a non contattare l'ufficio fino al ricevimento di tale comunicazione.

 

 

Nuova piattaforma web per la gestione dei servizi radioamatoriali

Avviso per i radioamatori

Dal 15 giugno 2023 il Ministero attiverà il servizio on line per la richiesta dei nominativi radioamatoriali.

Da tale data, la richiesta per ottenere il nominativo identificativo per l’attività radioamatoriale dovrà avvenire esclusivamente tramite la piattaforma radioamatori al link:

https://appradioamatori.invitalia.it

Dal 1° al 14 giugno 2023 eventuali domande di rilascio trasmesse tramite la precedente procedura (invio del modulo via e.mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) non saranno accolte.

 

Cos’è

Tramite il servizio online sarà possibile ottenere il nominativo identificativo per l’attività radioamatoriale.

Sarà inoltre possibile richiedere il rilascio dei nominativi speciali per manifestazioni radiantistiche e per contest internazionali, da parte di radioamatori e associazioni radioamatoriali che intendono partecipare a tali eventi.

Tale servizio è volto a fornire ai radioamatori servizi interamente digitali nella gestione dei relativi procedimenti amministrativi. Il servizio verrà progressivamente esteso a tutte le altre attività amministrative del settore (certificati HAREC, patenti radioamatoriali, autorizzazioni generali).

Il servizio online dedicato ai servizi radioamatoriali rientra nel generale processo di informatizzazione interno, in corso di implementazione, con il supporto operativo dell’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’Impresa S.p.A. (INVITALIA).

 

La Domanda

L’utente potrà accedere alla piattaforma informatica tramite identità digitale (SPID, CIE e CNS) e conseguentemente compilare la richiesta utilizzando le funzionalità consentite dal sistema.

Per la presentazione della domanda l’interessato dovrà caricare sulla piattaforma, tramite file, copia di un documento in corso di validità e copia della patente radioamatoriale. Per le associazioni radioamatoriali occorre inoltre allegare lo Statuto.  

Per la domanda è dovuta l’imposta di bollo di 16,00 euro, assolta in modo virtuale.

Se l’associazione prevede una struttura organizzata per articolazioni locali la domanda può essere presentata anche dalle singole articolazioni, se lo Statuto non prevede articolazioni locali la domanda dovrà essere presentata dalla sede legale.

Per i nominativi speciali (manifestazioni radiantistiche e contest) occorre allegare anche copia del titolo autorizzativo della stazione radioamatoriale in corso di validità.

All’esito positivo del procedimento informatizzato l’interessato riceverà il nominativo di stazione o il nominativo speciale (per le manifestazioni radiantistiche e per i contest) alla casella di posta elettronica indicata nella richiesta.

Il nominativo di stazione radioamatoriale, assegnato dal Ministero, deve essere acquisito dal radioamatore che ha conseguito la patente di operatore radioamatoriale prima di inviare la dichiarazione per l’autorizzazione all’impianto ed esercizio di una stazione radioamatoriale all’Ispettorato Territoriale del Ministero, competente per territorio (art. 139 del Codice delle comunicazioni elettroniche).

  

Informazioni e chiarimenti

Per avere istruzioni sulle funzionalità della piattaforma è possibile consultare il manuale utente;

Per specifiche questioni tecniche è possibile inviare una e.mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (la casella e.mail sarà attiva dal 15 giugno p.v.);

Per questioni inerenti il singolo procedimento è necessario contattare l’Ispettorato Territoriale della Regione di residenza https://ispettorati.mise.gov.it

  

Ufficio competente

Direzione generale per i servizi di comunicazione elettronica, di radiodiffusione e postali (DGSCERP)

 


15 marzo 2023

ESAMI PER IL CONSEGUIMENTO DELLA PATENTE DI RADIOAMATORE - Sessione 2023

AVVISO


Si informa l’utenza che per l’anno 2023 gli esami si svolgeranno dal 20 al 23 giugno in presenza, presso la sede dell’Ispettorato Territoriale in Torino.
La scadenza di presentazione delle domande per l’ammissione all’esame è il 30 Aprile 2023.
Ciascun candidato riceverà, entro 10 giorni dall’inizio dell’esame, esclusivamente via mail, la comunicazione di convocazione con l'indicazione della data e dell'orario dell’esame.

 

Per ulteriori approfondimenti si rimanda ai seguenti link:

Decreto Direttoriale 22 febbraio 2023

Domanda ammissione esami patente radioamatore

Domanda ammissione esami patente radioamatore con esonero parziale

Dichiarazione sostitutiva assolvimento bollo 2023

Atto di programmazione 2023

Per eventuali ulteriori chiarimenti è possibile contattare il seguente numero 011/5763452                            


22 febbraio 2023

Pubblicato il decreto direttoriale sulle modalità di espletamento degli esami per il conseguimento della patente di operatore radioamatoriale per l’anno 2023.

Dal 2023 le modalità di espletamento dell’esame per il conseguimento della patente di operatore radioamatoriale, di cui all’art. 136 del decreto legislativo 1° agosto 2003 n. 259 (Codice delle comunicazioni elettroniche), è costituito da una prova scritta di 50 domande a risposta multipla.

Le modalità di svolgimento delle prove di esame vengono disciplinate con decreto del direttore generale per i servizi di comunicazione elettronica, di radiodiffusione e postali del 22 febbraio 2023, ai sensi dell’articolo 3, comma 2 dell’allegato n.26 al Codice delle comunicazioni elettroniche.

La decisione di ripristinare dal 2023 le modalità di svolgimento dell’esame con una prova scritta, sostenuta in presenza presso le sedi degli ispettorati territoriali del Ministero, è stata adottata a seguito della cessazione dello stato di emergenza dovuto al rischio sanitario Covid-19 che, nel triennio 2020-2022, ha reso necessario adottare modalità di espletamento degli esami con prova orale, attraverso l’impiego di strumenti di comunicazione a distanza.

La programmazione temporale di svolgimento degli esami presso la sede territoriale sarà definita e pubblicata nella home page entro il 30 aprile.

  

Decreto Direttoriale 22 febbraio 2023 (pdf)

 


A seguito della riorganizzazione del Ministero dello Sviluppo Economico, le competenze della “Direzione Generale per le Attività Territoriali” (DGAT) transitano alla “Direzione Generale per i Servizi di Comunicazione Elettronica, di Radiodiffusione e Postali” (DGSCERP).
Si prega di consultare la pagina web relativa all’Ispettorato competente territorialmente prima di inviare comunicazioni e istanze ai nostri uffici in quanto gli indirizzi di Posta Certificata in uso subiranno modifiche sulla base della nuova organizzazione.

 


Decreto Legislativo 8 novembre 2021, n. 207 

Modifiche al Codice delle Comunicazioni Elettroniche
Nulla Osta ai sensi dell'art.56 (ex art.95 del D.Lgs. 259/2003) - Interferenze da Impianti e condutture di energia elettrica, tubazioni metalliche sotterrate

 

Si informa l'utenza che, il comma 7 dell’art. 56 ha introdotto una semplificazione per le tubazioni metalliche sotterrate prive di protezione catodica attiva, per le quali il Nulla Osta è sostituito da una Dichiarazione dei soggetti interessati.
Il procedimento aggiornato per il rilascio del Nulla Osta ai sensi dell'art.56 del D.Lgs. 259/2003 può essere scaricato al seguente link: Procedimento

 

La modulistica è disponibile presso gli uffici preposti al rilascio del Nulla Osta (vedi sezione "Contatti").

 


11 novembre 2021 - Decreto direttoriale sulle modalità di assegnazione dei nominativi di chiamata delle stazioni ripetitrici radioamatoriali

 Decreto direttoriale nominativi stazioni ripetitrici

 

I nominativi delle stazioni ripetitrici soggette ad autorizzazione generale ai sensi dell’articolo 143, comma 1, del codice delle comunicazioni elettroniche e dell’articolo 9 dell’allegato n.26 al predetto codice sono determinati secondo le modalità definite nell’allegato al suddetto decreto direttoriale 11 novembre 2021.

I nominativi di chiamata sono assegnati dagli ispettorati del Ministero, territorialmente competenti in base alla ubicazione della stazione, previa verifica positiva sulla conformità delle caratteristiche dell’impianto riportate nella relativa scheda tecnica.

Le nuove modalità di determinazione dei nominativi per le stazioni ripetitrici radioamatoriali si applicano sia alle nuove istanze per il conseguimento delle autorizzazioni generali che perverranno agli ispettorati territoriali, sia alle istanze giacenti per le quali è stata utilizzata la modulistica formalmente conforme a quella vigente alla data di presentazione delle domande di autorizzazione generale.

Per favorire la definizione delle pratiche in giacenza e oggetto di passaggio di consegne agli ispettorati territoriali a seguito dell’ultimo riordino ministeriale, si evidenzia la necessità di comunicare da parte dei soggetti interessati ogni informazione di variazione inerente alla ubicazione e/o alle caratteristiche tecniche dell’impianto eventualmente installato e precedentemente comunicate agli Uffici della DGSCERP (Direzione Generale per i Servizi di Comunicazione Elettronica e Postali) così come riportate nella scheda tecnica allegata alla dichiarazione per il conseguimento dell’autorizzazione generale. A tal fine è opportuno contattare direttamente l’ispettorato territorialmente competente in base alla ubicazione della stazione ripetitrice.

 

 


DECRETO LEGGE 16 luglio 2020, n.76
Semplificazione e innovazione digitale

 

Si informa l'utenza che dal 17/07/2020, a seguito della pubblicazione in G.U. n. 178 del 16/07/2020 del D.L. n.76 del 16/07/2020 e successiva rettifica, sono stati abrogati l'art.127 e i commi 3 e 4 dell'art.145 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche, nonché l'art. 36 e il comma 2 dell'art.37 dell'allegato 25 del predetto Codice.

Per quanto sopra:

- relativamente ai documenti di esercizio delle stazioni radioelettriche, a seguito della abrogazione del citato art.127, non sussistono più gli obblighi di rilasciare il documento di esercizio ai soggetti autorizzati;

- relativamente alla dichiarazione da rendere per gli apparati di debole potenza CB-PMR 446 in banda cittadina, a seguito dell'abrogazione dei commi 3 e 4 dell'art.145 e degli artt. 36 e 37 c.2 (allegato 25), viene soppresso l'obbligo di rendere la dichiarazione e, per effetto delle predette disposizioni, non risulta più dovuto il versamento del contributo annuo di 12 euro.

Torna all'inizio del contenuto