Dirigente: Dott. Tonino Di Gianantonio

 

   

  Piazza Vittorio Veneto, 1 - 34132 TRIESTE

 

  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  

   

    Documenti e Facsimili

 

 

12 luglio 2024   - Aggiornamento Nuove modalità di pagamento

Si informa che sono state aggiornate le istruzioni per effettuare i pagamenti dovuti verso questa Divisione.

 

 Istruzioni

 Allegato 1: Codici pratica per pagamenti da parte di privati ed aziende

 Allegato 2: Pagamenti da paesi UE e non UE in favore delle Amministrazioni dello Stato

 


 

01 luglio 2024   - Nuove modalità di pagamento

Dal 1° luglio 2024 tutti i pagamenti dovuti verso questa Divisione dai cittadini e dalle imprese, tranne quelli per le sanzioni per le Comunicazioni Elettroniche e La Sorveglianza del Mercato, potranno essere effettuati esclusivamente utilizzando la Piattaforma incassi delle Amministrazioni Statali istituita con Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 30/4/2021. I pagamenti potranno essere eseguiti attraverso i canali attualmente abilitati da Poste Italiane S.p.A., con le seguenti modalità:
 
a.    accedendo al sito di Poste Italiane, selezionando l’area “paga On Line” in “Servizi Online”, entrando nella sezione “Altri pagamenti” ed effettuando la ricerca per codice pratica “XXXX” o nome (denominazione) pratica “MIMIT – XXXXXX”. Nel campo descrizione andrà inserita la causale con i riferimenti utili a questo Ufficio per l’individuazione univoca del versamento effettuato. Nel campo provincia va sempre indicata la sigla “VE”. Per l’utilizzo di questa modalità è richiesta la registrazione al sito “Poste.it”.Nel caso di azienda, l’utenza dovrà far capo al rappresentante legale persona fisica;

b.    recandosi in un Ufficio Postale e consegnando allo sportello, se pervenuta, la nota di richiesta del versamento inviata dall’ Ispettorato ovvero comunicando il codice pratica o nome pratica da pagare analogamente a quanto riportato al punto a.

La ricevuta di pagamento dovrà essere prodotta alla PEC dell’Ispettorato: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 


 

30 aprile 2024   - Interferenze Elettriche - modifiche al dlgs 259/2003 "Codice delle Comunicazioni Elettroniche"

Si comunica che in data 28/04/2024 è entrato in vigore il DECRETO LEGISLATIVO 24 marzo 2024, n. 48 “Disposizioni correttive al decreto legislativo 8 novembre 2021, n.207, di attuazione della direttiva (UE) 2018/1972 del Parlamento europeo e del Consiglio dell'11 dicembre 2018, che modifica il decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259, recante il codice delle comunicazioni elettroniche”.
Ai sensi delle nuove disposizioni dell’art. 56, co. 1 e  co. 2, per la costruzione, la modifica o lo spostamento di condutture di energia elettrica, aeree ed interrate di qualsiasi classe, e tubazioni metalliche sotterrate, a qualunque uso destinate, i soggetti interessati sottoscrivono una dichiarazione asseverata da un professionista abilitato da cui risulti l'assenza o la presenza di interferenze con le reti di comunicazione elettronica.
Ai sensi delle nuove disposizioni dell’art. 56, co. 3, la citata dichiarazione deve essere presentata, prima dell’avvio dei lavori, all’ispettorato territoriale competente, corredata da una dettagliata relazione a firma del professionista abilitato e dagli elaborati progettuali che attestino la conformità degli impianti, unitamente all’atto di sottomissione ove previsto.
La dichiarazione sostituisce qualsiasi atto di assenso del Ministero sui relativi progetti ai sensi delle norme che regolano la materia, anche nell’ambito delle Conferenze di servizi di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 241.
Ai sensi delle nuove disposizioni dell’art. 56, co. 4, il Ministero vigila ed esercita controlli a campione, sulla realizzazione dei progetti. A tal fine i soggetti interessati sono tenuti a segnalare al Ministero l’inizio e la fine dei lavori inerenti al progetto, al fine di consentire l’accesso ai fini ispettivi del personale incaricato, nonché comunicare, nei termini e con le modalità prescritti, documenti, dati e notizie richiesti.
Infine, il comma 7 precisa che per le attività di vigilanza e controllo previste dall’art. 56 sono dovuti al Ministero i compensi per le prestazioni conto terzi.


 

18 aprile 2024   -  Modifica casella PEC

Si comunica che il nuovo indirizzo PEC dell’Ispettorato Territoriale (Casa del Made in Italy) del Friuli Venezia Giulia e del Veneto è il seguente: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 

27 marzo 2024   -  Esami Radioamatoriali 2024.

Per il conseguimento della patente di operatore di stazione di radioamatore per l’anno 2024 presso l’Ispettorato Territoriale (Casa del Made in Italy) del Friuli Venezia Giulia e del Veneto, è prevista una sessione unica di esami che si svolgerà nel mese di novembre 2024 e due distinte sedi d’esame: Trieste per i residenti nella Regione Friuli Venezia Giulia e Venezia-Mestre per i residenti nella Regione Veneto. Il termine per la presentazione delle domande, da inviarsi esclusivamente attraverso la nuova piattaforma Web https://appradioamatori.invitalia.it è fissato al 10 ottobre 2024.
 

Determina di programmazione e delle sessioni d’esame per il conseguimento della patente di operatore di stazione di radioamatore per l’anno 2024:

Determina


 

31 maggio 2023   -  nuova piattaforma web per la gestione dei servizi radioamatoriali.

Dal 15 giugno 2023 il Ministero attiverà il servizio on line per la richiesta dei nominativi radioamatoriali.
Da tale data, la richiesta per ottenere il nominativo identificativo per l’attività radioamatoriale dovrà avvenire esclusivamente tramite la piattaforma radioamatori al link: https://appradioamatori.invitalia.it.
Dal 1° al 14 giugno 2023 eventuali domande di rilascio trasmesse tramite la precedente procedura (invio del modulo via e-mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ) non saranno accolte. Ulteriori informazioni sono disponibili nella pagina dedicata.


  

30 aprile 2023   -   programmazione esami operatore stazione di radioamatore - sessione unica 2023.

Per il conseguimento della patente di Operatore di stazione di radioamatore per l’anno 2023 presso l’Ispettorato Territoriale Friuli Venezia Giulia, nelle modalità previste dal Direttore Generale, è prevista una sessione unica di esami e precisamente in data 09.11.2023 con data termine di presentazione delle relative domande di partecipazione entro il 30.09.2023.


  

22 febbraio 2023   -   esami operatore stazione di radioamatore - sessione unica 2023.

Pubblicato il decreto direttoriale sulle modalità di espletamento degli esami per il conseguimento della patente di operatore radioamatoriale per l’anno 2023.

Dal 2023 le modalità di espletamento dell’esame per il conseguimento della patente di operatore radioamatoriale, di cui all’art. 136 del decreto legislativo 1° agosto 2003 n. 259 (Codice delle comunicazioni elettroniche), è costituito da una prova scritta di 50 domande a risposta multipla.

Le modalità di svolgimento delle prove di esame vengono disciplinate con decreto del direttore generale per i servizi di comunicazione elettronica, di radiodiffusione e postali del 22 febbraio 2023, ai sensi dell’articolo 3, comma 2 dell’allegato n.26 al Codice delle comunicazioni elettroniche.

La decisione di ripristinare dal 2023 le modalità di svolgimento dell’esame con una prova scritta, sostenuta in presenza presso le sedi degli ispettorati territoriali del Ministero, è stata adottata a seguito della cessazione dello stato di emergenza dovuto al rischio sanitario Covid-19 che, nel triennio 2020-2022, ha reso necessario adottare modalità di espletamento degli esami con prova orale, attraverso l’impiego di strumenti di comunicazione a distanza.

La programmazione temporale di svolgimento degli esami sarà definita per l'Ispettorato Friuli Venezia Giulia entro il 30 aprile. 

 Decreto Direttoriale 22 febbraio 2023 (pdf)


 

14 aprile 2022   -   transito di competenze della D.G.A.T. alla D.G.S.C.E.R.P e modifica della casella di posta elettronica certificata

A seguito della riorganizzazione del Ministero dello Sviluppo Economico, le competenze della “Direzione Generale per le Attività Territoriali” (DGAT) sono transitate alla “Direzione Generale per i Servizi di Comunicazione Elettronica, di Radiodiffusione e Postali” (DGSCERP).
All’Ispettorato Friuli Venezia Giulia è stata pertanto assegnata la casella di posta elettronica certificata Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. dove potranno essere inviate le comunicazioni e le istanze provenienti anche da caselle di posta non certificate.


 

11 novembre 2021   -   decreto direttoriale sulle modalità di assegnazione dei nominativi di chiamata delle stazioni ripetitrici radioamatoriali.

I nominativi delle stazioni ripetitrici soggette ad autorizzazione generale ai sensi dell’articolo 143, comma 1, del codice delle comunicazioni elettroniche e dell’articolo 9 dell’allegato n.26 al predetto codice sono determinati secondo le modalità definite nell’allegato al suddetto decreto direttoriale 11 novembre 2021. 

I nominativi di chiamata sono assegnati dagli ispettorati del Ministero, territorialmente competenti in base alla ubicazione della stazione, previa verifica positiva sulla conformità delle caratteristiche dell’impianto riportate nella relativa scheda tecnica. 

Le nuove modalità di determinazione dei nominativi per le stazioni ripetitrici radioamatoriali si applicano sia alle nuove istanze per il conseguimento delle autorizzazioni generali che perverranno agli ispettorati territoriali, sia alle istanze giacenti per le quali è stata utilizzata la modulistica formalmente conforme a quella vigente alla data di presentazione delle domande di autorizzazione generale. 

Per favorire la definizione delle pratiche in giacenza e oggetto di passaggio di consegne agli ispettorati territoriali a seguito dell’ultimo riordino ministeriale, si evidenzia la necessità di comunicare da parte dei soggetti interessati ogni informazione di variazione inerente alla ubicazione e/o alle caratteristiche tecniche dell’impianto eventualmente installato e precedentemente comunicate agli Uffici della Dgscerp (Direzione generale per i servizi di comunicazione elettronica e postali) così come riportate nella scheda tecnica allegata alla dichiarazione per il conseguimento dell’autorizzazione generale. A tal fine è opportuno contattare direttamente l’ispettorato territorialmente competente in base alla ubicazione della stazione ripetitrice. Per la regione Friuli Venezia Giulia  può essere contattato lo 040.360240. 


 

Torna all'inizio del contenuto